Informazioni
Visite Pagina:3515 hits

La S.I.R.T.S. dopo aver lavorato per più di trent‘anni all‘interno dell‘orizzonte sistemico relazionale desidera attraverso i Quaderni condividere e approfondire con i soci e con un pubblico più vasto l’esperienza teorico-pratica maturata nel tempo nei differenti contesti clinici e di ricerca.

I Quaderni SIRTS si compongono di relazioni-articoli relativi agli interventi proposti durante i congressi e i seminari SIRTS e si arricchiscono progressivamente di contributi di soci o professionisti che si riconoscono in una cornice di riferimento teorico di tipo sistemico e che sono interessati a discutere dei temi proposti ogni anno.
I Quaderni sono paragonabili ad un ‘organismo vivente’ che si organizza, si replica, in comunicazione continua con l’ambiente in cui prende vita e che in questo realizza le proprie potenzialità. Come quell’unità autocorrettiva che è la mente descritta da Gregory Bateson, i Quaderni sono un processo autopoietico che va a svilupparsi attraverso la conversazione ed il confronto con soci e con i partecipanti alle iniziative promosse dalla SIRTS.

I frequentatori dei Quaderni SIRTS sono invitati a partecipare attivamente alla generatività  della conversazione fornendo contributi relativi ad esperienze e riflessioni connesse ad almeno un articolo presente nella conversazione sistemica in atto. I Quaderni sono aperti a contenuti in ambito clinico, teorico e di ricerca a condizione che il contributo rientri nei parametri redazionali forniti.

Tutti i contributi inviati verranno letti e valutati dalla redazione la quale si occuperà  poi dell’inserimento dello scritto all’interno dei Quaderni. Le pubblicazioni dei contributi possono avvenire in qualsiasi momento dell’anno.

M. S. Crisciani, 2018

 

 

REDAZIONE DEI QUADERNI SIRTS

 

Caporedattore: Marco Schneider

Vicecaporedattore: Chiara Bertonati

Redazione:
Marpa Simone Crisciani
Patrizia Frongia
Monica Gatti
Renzo Marinello
Adan Martinez
Edoardo Perini
Marco Schneider

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per saperne di più